Regolamento Elettorale

Regolamento Elettorale per il rinnovo del consiglio direttivo della
Società Italiana di Ecopatologia della Fauna

 

Art. 1 – Ambito di applicazione

Il presente Regolamento Elettorale si applica per tutte le elezioni di rinnovo del Consiglio Direttivo

 

Art. 2 – Modalità di voto

Le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo hanno luogo in concomitanza di un’Assemblea indetta nell’anno di scadenza del mandato triennale del Consiglio Direttivo in corso, e vengono indicate all’ordine del giorno. Le elezioni si svolgono a scrutinio segreto ed è ammesso il voto per delega con il limite massimo di due deleghe per Socio. Le deleghe devono essere consegnate al collegio elettorale in sede di elezione. Verranno considerate valide le schede che riporteranno nome e cognome del/dei candidato/i, o solamente il/i cognome/i nel caso non ci siano omonimie tra i candidati alla medesima carica. Qualsiasi altra scritta, disegno o grafo renderà nulla la scheda.

 

Art. 3 – Elettorato attivo e passivo

Possono votare ed essere vota ti esclusivamente i Soci in regola con il pagamento della quota sociale dell’anno in corso. Per votare (elettorato attivo) è possibile regolarizzare la propria quota associativa prima della votazione. Possono presentare la propria candidatura (elettorato passivo) coloro che siano soci ordinari da almeno due anni ed in regola con il pagamento della quota sociale dell’anno in corso.

 

Art. 4 – Candidature e tempistiche

Sono eleggibili esclusivamente i Soci, in regola con i pagamenti delle quote sociali, che abbiano reso nota la propria candidatura con l’invio (anche mediante posta elettronica) al Segretario, esplicitando gli obiettivi che si intendono perseguire per il mandato a venire. Il Segretario ed il Tesoriere, dopo accertamento dei requisiti di candidabilità e regolarità delle quote sociali di ciascun candidato, avranno cura di inviare conferma a ciascun candidato e comunicazione agli altri membri del Consiglio Direttivo. Il Consiglio Direttivo provvederà a dare comunicazione a tutti i Soci, almeno con un mese di anticipo sulla data, ora e luogo di apertura del seggio elettorale, nonché della data e dell’ora entro la quale rendere pubblica la propria candidatura. La comunicazione ai Soci delle candidature pervenute, comprensive degli obiettivi, dovrà es sere inviata a cura del Presidente o di suo delegato, anche mediante posta elettronica, entro la mezzanotte del terzo giorno successivo alla scadenza del termine per la presentazione delle candidature stesse. Il Consiglio Direttivo non potrà fissare il termine di presentazione delle candidature a meno di 7 giorni dall’apertura del seggio elettorale e dovrà garantire un periodo di almeno 15 giorni quale periodo utile per la presentazione di candidature. Le proposte di candidature non potranno essere accettat e dopo la data e l’ora fissate.

 

Art. 5 – Collegio Elettorale e operazioni di voto

Per le votazioni delle cariche sociali è costituito un Collegio Elettorale designato dal Consiglio Direttivo tra i Soci che costituiscono l’Assemblea dei Soci e che non ris ultino candidati. Al proprio interno il Collegio Elettorale elegge un Presidente e nomina due scrutatori. Il Collegio Elettorale distribuisce le schede elettorali ai Soci facenti parte dell’elettorato attivo, tenendo conto di eventuali deleghe ed accertando, sulla base di un elenco fornito dal Segretario o dal Tesoriere, lo stato di regolarità del pagamento delle quote. Le votazioni avvengono in modo da garantire la riservatezza dei votanti e vengono espletate secondo le modalità e i tempi previsti dall’or dine del giorno. I Soci con eventuali disabilità invalidanti, temporanee o permanenti, possono farsi accompagnare al seggio. Le schede vengono inserite nelle apposite urne direttamente dal Socio elettore con la supervisione di almeno uno dei membri del Co llegio Elettorale.

 

Art. 6 – Scrutinio dei voti e verbalizzazione

Completate le votazioni, il Collegio Elettorale inizia lo scrutinio pubblico. Da prima vengono enumerate le schede utilizzate per il voto e verificata la corrispondenza con il numero dei Soc i votanti. Al termine dello scrutinio viene redatto il verbale delle operazioni di voto con l’indicazione del numero dei
Soci elettori aventi diritto, dei Soci votanti, delle schede valide, delle schede bianche e delle schede nulle.  Nel verbale vengono quindi indicati i voti ottenuti dai candidati in ordine decrescente. Il verbale viene sottoscritto dal Presidente e dagli altri scrutatori. Alla fine della verbalizzazione il Presidente del Collegio Elettorale comunica l’esito delle votazioni in Assemblea dei Soci che proclama eletti i sette candidati che hanno ottenuto il maggior numero dei voti, che
assumono contestualmente il loro ruolo operativo. I membri del Collegio Elettorale rimangono in carica fino alla conclusione delle operazioni elettorali al termi ne delle quali consegnano il verbale e le schede elettorali ai membri del Consiglio Direttivo entrante.

 

Art. 7 – Elezione dei membri del Consiglio Direttivo

I Consiglieri del Direttivo sono eletti con scheda unica e con voto limitato a quattro nominativi. In caso di parità nei risultati delle votazioni prevale colui che essere socio da più anni. Le schede con un maggior numero di nominativi sono considerate nulle.

 

Art. 8 – Nomina del Presidente, Vice

Presidente, Segretario e Tesoriere Il Presidente, Vice Presidente, Segretario e Tesoriere vengono nominati, tra i Consiglieri eletti, dal Consiglio Direttivo eletto al momento della sua prima riunione entro 30 giorni dalle elezioni.

 

Art. 9 – Decorso delle cariche sociali

Tutte le cariche sociali decorrono a partire dalla nomina del nuovo Presidente. Nel caso la nomina del Presidente da parte del Consiglio Direttivo eletto non avvenga nel giorno stesso delle elezioni, il Consiglio Direttivo uscente provvede a esercitare una esclusiva gestione ordinaria dell’Ass ociazione fino a tale nomina. Detta gestione ordinaria sarà finalizzata esclusivamente a garantirne la funzionalità della Associazione. Con la nomina del nuovo Presidente il Consiglio Direttivo uscente è tenuto ad effettuare un passaggio formale e sostanzi ale delle consegne al nuovo Consiglio Direttivo.

LA NOSTRA ASSOCIAZIONE

COMITATO SCIENTIFICO

CONSIGLIO DIRETTIVO

REGOLAMENTO ELETTORALE